Premio Osella

L’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia, con il supporto della Fondazione “Marco Osella”, conferisce periodicamente un premio a favore di un giovane e valente studioso italiano operante nel campo dell’Entomologia, che abbia proficuamente intrapreso ricerche almeno in uno dei seguenti settori: faunistica, sistematica, rapporti con l’ambiente, valutazione e conservazione della biodiversità. Lo spirito dell’iniziativa è quello di incoraggiare giovani e capaci ricercatori che operano in uno dei settori sopra menzionati e favorirne la crescita scientifica.

Cronistoria della istituzione della “Fondazione Osella” per la gestione del Premio “Marco Osella”

Febbraio 1997

Nell’Assemblea del 28 febbraio in presenza del Notaio Helio Pierotti e della Sig.ra Margherita Pagliano Osella e dell’Accademico Giuseppe Osella viene presentata la FONDAZIONE OSELLA con sede presso l’Accademia e costituito il “Comitato Premio Marco Osella” con un fondo patrimoniale di 31 milioni di lire.

Il Presidente dell’Accademia propone di incrementare il fondo di dotazione di 2 milioni di lire da parte dell’Accademia e l’Assemblea da mandato alla formalizzazione della Fondazione presso l’Accademia.

Maggio 1997

Nell’Assemblea Plenaria del 31 maggio (vedi punto 5 dell’ o.d.g.), l’Accademico Sandro Ruffo riferisce che è stato redatto l’atto costitutivo della “Fondazione Marco Osella” (presso il Notaio Elio Pierotti) e sta per essere inoltrata al Presidente della Repubblica l’atto di riconoscimento della stessa. Al capitale iniziale di 31 milioni di lire sono stati aggiunti 2 milioni di lire da parte dell’Accademia.

Nella stessa Assemblea viene quindi costituita una Commissione per l’Assegnazione del 1° Premio Marco Osella.

Art. 1 – In memoria del giovane Marco Osella, nato a Torino il 22 giugno 1965 e deceduto a L’Aquila il 14 maggio 1995, è costituita una Fondazione denominata “Fondazione Marco Osella”. La Fondazione ha sede in Firenze, presso l’ “Accade-mia Nazionale Italiana di Entomologia”, eretta in Ente Morale con D.P.R. 19 maggio 1954, n. 691.

Art. 2 – La Fondazione si propone lo scopo di promuovere le ricerche sugli insetti della Fauna italiana, nell’ambito di uno o più dei seguenti temi:

  • sistematica,
  • faunistica,
  • rapporti con l’ambiente, valutazione e conservazione della biodiversità.

A tal fine, la Fondazione, anche con carattere di periodicità:

  • istituisce, a favore di giovani studiosi meritevoli, di età non superiore ad anni 32 (trentadue), che intendono procedere nel campo delle ricerche costituenti lo scopo della Fondazione:
  1. premi in denaro;
  2. premi in medaglie, diplomi, attestati;
  3. contributi per particolari ricerche;
  4. borse di studio per l’Italia o per l’estero;
  • assume ogni altra iniziativa (compresi eventuali accordi di collaborazione con istituti o fondazioni similari) che fosse di volta in volta giudicata idonea al perseguimento dello scopo della Fondazione.

Art. 3 – Il patrimonio iniziale della Fondazione è di Lire 31.000.000 (trentunmilioni).

Tale patrimonio potrà venire aumentato ed alimentato con oblazioni, donazioni, legati od erogazioni da parte di persone fisiche o giuridiche pubbliche o private.

La Fondazione provvede al perseguimento del suo scopo con il suo patrimonio; il denaro potrà essere investito esclusivamente in beni immobili od in Titoli di Stato od obbligazionari.

Art. 4 – L’organo amministrativo della fondazione è costituito dal Consiglio di Presidenza dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia.

Gli uffici amministrativi dell’Accademia adempiono anche alle mansioni di segreteria della Fondazione.

Art. 5 – L’esercizio finanziario della Fondazione inizia il primo gennaio di ogni anno e termina il trentuno dicembre dello stesso anno.

L’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia predispone, con le modalità e nei termini previsti dal suo Statuto, il bilancio di previsione ed il conto consuntivo, i quali sono sottoposti all’approvazione dell’assemblea dei soci dell’Accademia medesima; in ogni caso, il patrimonio della Fondazione ed il reddito dello stesso non possono essere distolti, nemmeno in sede di liquidazione, dalla destinazione di cui ai superiori artt. 2) e 3).

Art. 6 – I contributi, i premi, le borse di studio sono conferiti in base al giudizio di un’apposita Commissione, composta da tre membri effettivi e due suppletivi, eletti dall’Assemblea dell’Accademia.

La Commissione nomina, nel suo seno, un Presidente ed un Segretario.

Art. 7 – I contributi, i premi, le borse di studio non possono essere conferiti ai soci dell’Accademia Nazionale Italiana di entomologia.

La consegna effettuata dal Prof. Giuseppe B. Osella o dalla Signora Margherita Pogliano Osella, genitori del giovane Marco Osella, ovvero dal Presidente dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia, nel corso della seduta inaugurale di quest’ultima.

Art. 8 – La rappresentanza legale della Fondazione di fronte ai terzi ed in giudizio spetta al Presidente dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia.

Inoltre, il Presidente, ovvero, in caso di sua assenza o impedimento, chi lo sostituisce a termini dello Statuto dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia:

  • firma gli atti e quanto occorre per l’esplicazione di tutti gli affari della fondazione;
  • provvede all’esecuzione delle deliberazioni;
  • sorveglia il buon andamento amministrativo della Fondazione;
  • cura l’osservanza dello Statuto;
  • cura i rapporti con le Autorità tutorie;
  • adotta, in caso di urgenza, ogni provvedimento opportuno, riferendo nel più breve tempo al Corpo Accademico.

Art. 9 – Nessun particolare compenso è dovuto agli organi ed agli uffici dell’Accademia Nazionale Italiana di Entomologia, per la loro attività a favore della fondazione, salvo il rimborso delle spese eventualmente sostenute per ragione dell’incarico.

Art. 10 – Per quanto non previsto dal presente Statuto, si fa riferimento allo Statuto dell’Accademia Nazionale Italiana di entomologia ed alle norme di legge in materia.

F.to Alessandro Ruffo

F.to Buffolo Katia

F.to Claudia Davanzo

F.to Dr.Helio Pierrotti Notaio (L.S.)

Vincitori del “Premio Marco Osella”

Anno / Edizione Nome vincitore
1999 Antonio Carapelli
2002 Non assegnato
2004  Non assegnato
2006 Pierfilippo Cerretti
2008 Mauro Gobbi
2010 Fabio Sgolastra
2014 Giuseppe Mazza
2016 Giovanni Benelli
2020 Davide Rassati